giovedì, dicembre 13

“Bambini Bersaglio”

0

 

Il Convegno “Bambini allo sbaraglio, bambini bersaglio“- sabato 27 gennaio a Pordenone – non si sarebbe potuto svolgere in un momento più adatto: nella Settimana della Memoria, istituita per ricordare lo sterminio nazista degli Ebrei.

È corretto e forse anche facile, oggi, essere solidali con l’idea di memoria intesa come non dimenticare gli abusi passati sui più fragili del pianeta. È meno facile, certamente, fare in modo che i soprusi di oggi siano denunciati, pubblicizzati e che siano oggetto di interesse per Media, Storici, Sociologi, programmi di Governo.

Per non dimenticare, quindi, che i più fragili del pianeta sono perseguitati anche oggi.

 

<<Personalmente ritengo che non sia più storicamente il tempo di Auschwitz. Ma di Lager sento parlare tutti i giorni, quando incontro ragazzi che vengono da un’esperienza in fatiscenti strutture comunitarie, chiuse solo a seguito di anni di denunce e inchieste.

Ed è inutile che solleciti alla memoria, in questa sede, i trattamenti da Gestapo, già ampiamente argomentati rispetto agli incontri protetti, a trattamenti riservati a nonni penalizzati e a genitori allontanati.

E non vorrò che tra trent’anni uno dei ragazzi o dei bambini sopravvissuti ad una diagnosi sbagliata o ad un intervento autoritativo ingiustificato sia in TV a raccontare “io c’ero” e a testimoniare il dolore.

Dobbiamo essere coraggiosi fin a ora e poter fare e dire – qualunque sia il ruolo da noi rivestito – “io ci sono”: a denunciare, a intervenire, a testimoniare, a risolvere, a difendere, a progettare.

“Bambini allo sbaraglio”; soprattutto “Bambini bersaglio”.

Ma le nostre spalle di adulti consapevoli possono fare in modo che le pallottole sparate non li colpiscano e cadano nel vuoto dell’ignoranza da cui provengono.>> – così il Presidente INPEF Vincenza Palmieri, commentando la propria presenza al Convegno del 27 gennaio.

 

FacebookTwitterGoogle+LinkedInEmailCondividi
Share.

About Author