sabato, agosto 24

8 Maggio 2019. Una data indimenticabile: risultato di un bisogno sociale a cui è giunto il momento di dare risposte e soprattutto di fare.

0

L’Associazione Nazionale dei Pedagogisti Familiari è stata ufficialmente iscritta, dal Ministero dello Sviluppo Economico, all’Elenco delle Associazioni Professionali che dichiarano di possedere le caratteristiche previste dall’articolo 2 e dagli articoli 4 e 5 della L. 4/2013.

“Grazie a quanti hanno creduto​ -​ dal primo giorno ​- ​in questo progetto e hanno sostenuto​ insieme a me la Pedagogia Familiare in Italia e nel Mondo”: queste sono state le prime parole della Prof.ssa Vincenza Palmieri, fondatrice della Pedagogia Familiare in Italia.

Impossibile non credere in un progetto così importante, necessario per chi conosce queste tematiche e l’emergenza che viviamo oggi a livello sociale, per tutto ciò che riguarda il sistema familiare in ogni sua minima sfaccettatura.

Il lungo percorso iniziato circa quarant’anni fa dall’impegno della Prof.ssa Palmieri con le famiglie, le loro fragilità e criticità, i loro dolori e problematiche, ha aperto un enorme dibattito che ha portato, nel luglio 2010, alla nascita dell’Associazione Nazionale dei Pedagogisti Familiari e dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare, che forma i professionisti che operano nel campo dei Diritti Umani, della Famiglia, dei Minori e dell’Apprendimento.

Se consideriamo tutti i cambiamenti storici, politici, culturali e sociali che hanno interessato la famiglia nel corso degli ultimi decenni è inevitabile considerare questo riconoscimento, un traguardo storico indispensabile per l’intera società.

All’interno delle famiglie, infatti, si producono trasformazioni significative, sia individuali sia relazionali, che scandiscono e segnano nel profondo il ciclo di vita dei membri che le compongono. Dallo studio di tali cambiamenti, si evince quanto siamo ormai lontani da quella che veniva definita la famiglia “classica e tradizionale” e siamo approdati alla nascita di un “sistema familiare” sempre più complesso e carico di problematiche e peculiarità, sempre più numerose e diversificate, che necessitano di un sostegno familiare competente, soprattutto in momenti delicati, di passaggio e transizione del ciclo di vita, che ogni famiglia vive e attraversa.

Le famiglie come sistemi molto complessi, sono caratterizzate da una sottilissima e fitta rete di ruoli, relazioni, strutture interne e significati che oggi più che mai, devono essere studiati, analizzati e sostenuti.

L’ANPEF dà voce e rappresenta la categoria professionale dei Pedagogisti Familiari: tecnici dell’aiuto con specifiche competenze nell’ambito delle vicende del primo microcosmo sociale, la famiglia, risorsa imprescindibile di ogni società, a cui è ormai divenuto indispensabile dare sostegno, soprattutto in seguito a tutte le trasformazioni che l’hanno interessata.

Attraverso tali competenze professionali, accolgono, ascoltano e comprendono la richiesta di sostegno delle famiglie, per arrivare all’analisi del reale bisogno che si nasconde dietro il momento di difficoltà di quella specifica famiglia, a cui è divenuto ormai necessario rispondere con proposte di orientamento, coordinamento e progettualità e attraverso professionisti esperti e competenti, in possesso di una rete di strumenti e processi, mirati a migliorare la qualità delle famiglie e dei suoi componenti, intesi come singoli o come gruppo.

Questo riconoscimento è, per questa categoria professionale, un segnale importante e chiaro: la società e le famiglie hanno bisogno di Pedagogisti Familiari!

“Ogni famiglia che si incontra ha in sé una storia nel passato, un’attualità nel presente e una progettualità nel futuro ed è proprio da questo che è ormai necessario partire – scrive la Presidente dell’ANPEF nel suo libro “Mai più un bambino” – La Famiglia è uno dei valori fondanti della nostra società e della nostra Costituzione, dei Diritti Umani fondamentali e della Convenzione sui Diritti del Fanciullo, noi abbiamo un dovere imprescindibile di sostenere la famiglia, la genitorialità e anche riannodare i fili, laddove possibile!”

Il Pedagogista Familiare è specializzato in tutto questo: tecnico ed esperto delle dinamiche familiari, delle sue criticità e fragilità, individua le risorse che la famiglia ha a disposizione, sia al suo interno sia nel contesto culturale, relazionale o ambientale di riferimento. In una società ormai troppo complessa, in cui è impossibile per chiunque avere delle certezze e non essere disorientati, i genitori in primis hanno bisogno di un professionista che costruisca insieme a loro un progetto familiare e che li aiuti ad attraversare ed elaborare alcune fasi di vita così importanti.

Non si può più chiudere gli occhi e far finta di nulla: le problematiche che nel tempo le famiglie vivono e attraversano hanno bisogno di consulenza, supporto e risposte di professionisti, specializzati in materia, che attraverso le Tecniche e Procedure proprie della Pedagogia Familiare®, possono intervenire al fine di risolvere conflitti interpersonali, ripristinare dinamiche relazionali positive, formare al rispetto dei Diritti Umani, migliorare le interazioni all’interno dei differenti contesti di vita sociale.
Ormai sappiamo che tutte le famiglie possono trovarsi, in alcune contingenze e fasi specifiche di vita, ad aver bisogno di sostegno, orientamento e supporto a cui è ormai urgente dare voce e risposte e questo riconoscimento professionale ce ne da atto.

Dott.ssa Laura Fidanza

Pedagogista Familiare

Redazione ANPEF

 

 

FacebookTwitterGoogle+LinkedInEmailCondividi
Share.

About Author