martedì, gennaio 31

Vincenza Palmieri riceve da Anna Selvaggi il simbolo Signora della Pace 2022

0

Vincenza Palmieri, già Ambasciatrice per la Pace nel mondo, ha da poco ricevuto in dono a Matera – sua città d’origine – dall’AIDE (Ass.ne Indipendente Donne Europee) il simbolo de la “Signora della Pace 2022“.

Anna Selvaggi, Fondatrice e Presidente Nazionale di AIDE, Presidente regionale di ANLA (Ass.ne Nazionale Lavoratori Senior), laureata in Scienze religiose, moglie, madre e nonna, da quasi 25 anni impegnata nel volontariato sociale, ci racconta la storia di questo simbolo e quali valori vuole rappresentare, e soprattutto il perché di questo omaggio così significativo alla Prof.ssa Palmieri.

“In occasione della designazione di Matera (già città della Pace e dei Diritti Umani) a Capitale europea della Cultura nel 2019, come AIDE – Associazione costituita nel 2006 da un gruppo di donne materane con la voglia di impegnarsi in progetti a favore della famiglia, delle donne, dei bambini e degli anziani, che avessero una ricaduta importante sul territorio – ci venne l’idea di realizzare una lunga sciarpa di lana, che richiamasse i simboli della pace. È stato l’inizio di un percorso che ci avrebbe portato a ideare poi – in pieno lockdown – la ‘Signora della Pace‘: una donna portatrice di pace, perché è questo ciò che simboleggia da sempre: una risorsa umana ed economica insostituibile. Così, insieme a una ventina di donne provenienti da tutta Italia, abbiamo creato un vero e proprio Team di Pace: la straordinarietà di questo progetto sta proprio nell’aver fatto incontrare donne che non si conoscevano tra loro e che si sono messe all’opera nel creare quegli intrecci di fili colorati i cui tramezzi e quadrati si sarebbero tramutati in simboli di pace”.

“Nel donare questo emblema alla Prof.ssa Vincenza Palmieri, abbiamo voluto rendere omaggio a ciò che lei porta avanti da tempo come Ambasciatrice per i Diritti Umani e la Pace nel mondo: un segno di pace rispetto a ciò che lei rappresenta, soprattutto per quanto concerne il suo impegno costante in favore dei bambini e dei loro diritti. Un riconoscimento che abbiamo voluto dedicarle in segno di unione anche con i valori di libertà, indipendenza e pari opportunità promossi dall’AIDE: diritti inalienabili della persona, come l’uguaglianza e la giustizia. Un piccolo dono con cui abbiamo voluto mostrarle il nostro affetto e la nostra gratitudine, e che ci riempie di orgoglio e soddisfazione, perché la pace è donna e di donne impegnate per le donne e per la pace ce ne sono e vanno riconosciute. La donna genera cooperazione, sviluppo, lavoro, cultura, progresso, benessere, crescita, rispetto… E io quando penso a Vincenza, penso a tutto questo. La ‘Signora della Pace‘ simboleggia proprio la capacità, l’attitudine, la tenacia di tutte quelle donne che sono sempre presenti all’appello quando si parla di pace… e questo, pensando soprattutto alle donne violate, maltrattate, alle bambine-spose, alle donne che soffrono, a quelle a cui sono stati strappati i figli e a quante sono vittime di sfruttamento oltre che di politiche inadeguate, credo sia meraviglioso. E chissà che questo simbolo non diventi davvero l’inizio di un nuovo corso – concreto – di aiuto e speranza per tutte le donne”.

Anna Selvaggi – dichiara il Presidente Palmieri – è, tra i cittadini materani e i cittadini del mondo, colei che meglio di tutti incarna il significato di: sinergia, empatia, risultato, democrazia, futuro. Con queste parole, da concittadina e da persona che sa quanto è difficile e quanto è dura mantenere la propria integrità e la schiena dritta di fronte alle difficoltà, alle impossibilità e agli attacchi, non posso che testimoniare come – tra tante Signore della Pace – vi sia una Regina della Pace. E questa si chiama Anna Selvaggi“.

In foto, la ‘Signora della Pace’ e il messaggio su Facebook che la Presidente Anna Selvaggi ha voluto dedicare a Vincenza Palmieri, nel momento in cui, a Matera – loro città natale – le ha consegnato questo significativo dono.

 

FacebookTwitterGoogle+LinkedInEmailCondividi
Share.

About Author